index

Perché un convegno sulla maternità (15-16 aprile) di Silvia Acquistapace

Il calo di natalità in Italia è un fenomeno evidente agli occhi di tutti, peraltro continuamente confermato dalle statistiche; ma non sembra che ci si renda conto del fatto che le cause vanno individuate soprattutto nel sentimento di sfiducia che invade la mente della maggior parte dei nostri giovani , i quali non guardano al futuro con la speranza e la fantasia necessarie a immaginarsi una famiglia. Molti convegni, molti articoli si concentrano sulla condivisione dei ruoli in casa, e sottolineano la forte richiesta femminile di compartecipazione coi partner del ruolo di genitore.E’ senza dubbio una esigenza più che legittima, che accompagna il desiderio delle donne di poter realizzare sè stesse non soltanto come madri.
Tuttavia siamo persuase che la precarietà e la disoccupazione, i licenziamenti per parto e il mobbing a cui le future mamme sono sottoposte sul luogo di lavoro siano le vere cause da rimuovere se vogliamo rivedere frotte di bambini accompagnati da nonni felici nei giardinetti sotto casa. In Italia a giugno 2015 la disoccupazione giovanile era al 44%.
C’è poi il problema delle strutture necessarie a permettere il ritorno al lavoro delle mamme dopo il parto.Gli asili nido sono assolutamente insufficienti, mentre sarebbe opportuno che il Governo incoraggiasse la creazione di nidi aziendali anche con sgravi fiscali o facilitazioni al credito. Anche una certa flessibilità dell’orario di lavoro, delle presenze e dei congedi potrebbe rendere meno difficile la vita delle neomamme.
Il nostro convegno vorrebbe attirare l’attenzione dei media e delle istituzioni di questo paese, che sulla maternità ha costruito tanti stereotipi e tante canzoni, di questa Italia dove c’è chi va in piazza per il Family day, sui problemi drammatici che incontrano le donne quando desiderano o progettano una maternità, ostacolata dalle leggi, dalle regole vigenti nei luoghi di lavoro, dalla paura delle aziende di dover affrontare i costi di una donna in maternità.

 

In allegato il programma del convegno.

Maternità precaria, maternità possibile?

Problemi, esperienze, proposte

Roma, 15-16 aprile 2016

Via Boemondo 7 (Sala Igino Giordani)

PROGRAMMA

Venerdì – 15 aprile 2016

15.00 – 15.30

Registrazione delle/i partecipanti

15.30 – 15.45

Perché questo convegno

– Silvia Acquistapace, presidente, Rete delle donne per la Rivoluzione Gentile

15.45 – 16.00

Noi e gli altri. Paesi europei a confronto

Tassi di natalità, età al primo parto, misure di tutela della genitorialità

– Cristiana Scoppa, giornalista, Rete delle donne per la Rivoluzione Gentile

16.00 – 16.45

Senza troppi sacrifici

Bassa natalità e trasformazione della cultura della riproduzione

– Rosa Parisi, Università di Foggia, Rete delle donne per la Rivoluzione Gentile

16.4517.00

Famiglia o/e lavoro

– Chiara Bisconti, Assessora al benessere, Comune di Milano, in collegamento video

17.00 -17.15

– Joelle Caimi del coworking I love mum aperto all’interno della Casa internazionale delle donne,

17.15-17.45

Proiezione “Maternità libera scelta”, di Silvana Maja (episodio 2)

17.45-18.00

Il costo della maternità per le aziende: un falso problema. Le nostre riflessioni sul tema

– Silvia Acquistapace, presidente Rete delle donne per la Rivoluzione gentile

18.00-19.00

Dibattito animato da

– Cristiana Scoppa , giornalista, Rete delle donne per la Rivoluzione gentile

Sabato – 16 aprile 2016

9.00 – 9.30

Registrazione delle/i partecipanti

9.30 – 9.45

Resoconto della prima giornata

– Silvia Acquistapace, presidente Rete delle donne per la Rivoluzione Gentile

9.45-10.45

Flessibilità in azienda

– Donatella Bruno, resp.donne CGIL lazio

Tempi conciliabili?

– Stefania Fantauzzi, operaia

Lavoro e gravidanza, esperienze incredibili e comuni

– Katia Nesci blog www.mamminapostmoderna.wordpress.com, Rete delle donne per la Rivoluzione gentile

10.45-11.00 Pausa caffè

11.00-12.00

Maternità precaria, di Martina Proietti e Giovanni Pompili, Premio Ilaria Alpi, 2011

– proiezione del film con la partecipazione di Martina Proietti

12.00-12.30

Io, mamma precaria in lotta

– Katia Scannavini

Maternità freelance

– Francesca Pesce , Acta

12.30 -13.30

Dibattito

13,30-14.30 Pausa Pranzo

14.30-14.45

La banda della culla: raccontare la maternità difficile oggi

– Francesca Fornario, scrittrice e conduttrice radiofonica

14.45-15.00

Maternità libera scelta”, di Silvana Maja (episodio 3)

proiezione del cortometraggio con la regista Silvana Maja

15.00-15.45

Mamma a che ora?

– Samantha Pastore, psicologa, Rete delle donne per la Rivoluzione Gentile

I rischi della maternità ritardata

– Pina Adorno, presidente Consulta cittadina permanente dei consultori, Roma

Il bambino “prezioso”

– Sonia Balducci, psicologa, Rete delle donne per la Rivoluzione Gentile

16.00 – 17.30

Proposte per una maternità agevolata e discussione

– animata da Silvia Acquistapace, Rete delle donne per la Rivoluzione Gentile

Info e contatti: Rete delle donne per la Rivoluzione gentile – Coordinamento romano

Silvia Acquistapace, cell. 3292595751 – verdesilvie@inwind.it

Un commento

  • Cristiana D'Amore

    Mi dispiace molto non poter partecipare,vi ringrazio per l’iniziativa.Spero nelle prossime vostre proposte.
    Grazie,Cristiana D’Amore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *