Rete donne per la rivoluzione gentile

La pubblicità della Coseme

Ricordate la pubblicità della Coseme di cui avevamo parlato un paio di mesi fa?  Quella pubblicità che, come tante, utilizzava il corpo femminile per vendere un prodotto?

Contro quella pubblicità facemmo ricorso allo Iap. E lo Iap (Istituto per l’autodisciplina pubblicitaria) già dopo una decina di giorni stabilì che la campagna pubblicitaria dovesse essere interrotta.

Ora è stata pubblicata la decisione, successiva al ricorso della ditta: “”Il Giurì, esaminati gli atti e sentite le parti, dichiara che la pubblicità esaminata è in contrasto con l’art. 10 del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale in quanto veicolata mediante cartellonistica, ed in questi limiti ne ordina la cessazione.” (In base all’Art. 10 – Convinzioni morali, civili, religiose e dignità della persona).

La campagna pubblicitaria ne frattempo ha fatto il suo corso e si è esaurita, però questo non riduce la nostra soddisfazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *